Nell’ecommerce sono importanti i dati dei clienti, raccolti ed elaborati per scopi pubblicitari e monitorati da qualche tempo da vicino per contrastarne l’abuso. Da ieri, però, pare abbiano una certa importanza anche i dati dei venditori, soprattutto se si considera l’ipotesi in cui la piattaforma che offre loro la vetrina li utilizzi per far loro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Descalzi è nei guai: ora l’Eni invoca l’interesse nazionale

prev
Articolo Successivo

Borsellino, rogatoria svizzera per l’ultimo che lo intervistò

next