C’è una corsa a farsi identificare nell’affaire russo che coinvolge la Lega. Dopo l’avvocato Gianluca Meranda, ieri si è fatto avanti un terzo uomo presente all’incontro nella hall dell’hotel di Mosca in cui avrebbe preso vita una trattativa sul petrolio, poi sfumata, che avrebbe dovuto portare fondi russi al partito del ministro dell’Interno. Si tratta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Per chi lavorano davvero i nostri servizi segreti?

prev
Articolo Successivo

Attentato a Salvini: l’inchiesta lo smentisce

next