C’è della follia nella politica della Torino di questi tempi, e anche un’abbondante dose di cattivo gusto. Quello, per intenderci, di chi rappresenta le istituzioni e si veste (in Piemonte ma anche a Roma) come se fosse sempre carnevale: ora da poliziotto, da ufficiale dell’esercito, da vigile del fuoco, senza peraltro esserlo. Così può capitare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Di Maio blinda Appendino contro i “consiglieri nemici”

prev
Articolo Successivo

Genova. Si multano i clochard, si tace sulla ’ndrangheta e sui nostalgici

next