È sempre nella bufera la costruzione dei due maggiori assi stradali pedemontani in costruzione: quello lombardo di 67 km e quello veneto di 95 km. Due progetti e due concessioni (completamente snaturate da convenzioni e atti aggiuntivi) partite attorno al 1990 e ancora, entrambe, in mezzo al guado dopo aver fatto man bassa di risorse […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Beppe Mora

prev
Articolo Successivo

La base dem c’è e dice persino cose di sinistra

next