C’era una volta il palinsesto vero, cioè l’antica pergamena che veniva scritta, e poi, previa raschiatura, riciclata per un nuovo testo: il termine significa appunto “raschiato di nuovo”. In estate, a sorpresa, il vocabolo – che si usa ormai solo per la tv – ritrova le sue radici, i programmi invernali vengono cancellati e sostituiti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Moggi smemorato: “Buffon? Un matto”

prev
Articolo Successivo

Sogno o realtà? Talk show green: l’ecologia in tv è la rivoluzione

next