Nulla di fatto, per il momento, sull’Autorità per la privacy. Il voto previsto per oggi al Senato è stato rimandato a data da destinarsi: non c’è accordo tra le forze della maggioranza sui nomi da indicare per i suoi membri. Uno stallo che potrebbe riguardare anche la seduta dell’11 luglio per l’elezione dei membri dell’Autorità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)