Se volete capire come cambia l’Italia, guardate i cani. Nel 2011 l’Istat ha censito la popolazione italiana ma non gli animali domestici. Che errore. Le statistiche sono poche sul tema ed è difficile cercare conferma nei numeri della sempre più diffusa impressione che ci siano trasformazioni profonde della nostra società rivelate dal rapporto con gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il declino di Bankitalia ha aperto la strada alla riforma M5S-Lega

prev
Articolo Successivo

Un’estate non basta: ecco perché nessuno fa più lavori stagionali

next