Da giorni la stampa, Fatto incluso, è piena di pubblicità dell’Eni che sottolinea l’importanza delle azioni individuali per l’ambiente. Ma questa svolta verde del gruppo petrolifero non è sempre indolore: Eni rischia una sanzione dalla Autorità antitrust che ha avviato un procedimento per pubblicità ingannevole contro un’altra campagna, quella per Eni Diesel +. Le associazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Un’estate non basta: ecco perché nessuno fa più lavori stagionali

prev
Articolo Successivo

Povero Manfred, l’hanno rimasto solo

next