Il semplice sapore di una madeleine, scriveva Antoine Blondin, cantore del Tour e cultore di Proust, ti può ammaliare, ed immergere in un’intrigante associazione di sensazioni, di immagini, di sentimenti: preludio di formidabili fughe della memoria, come di fughe omeriche in bicicletta, fondamenta mitiche di uno sport tanto bello quanto crudele. Si corre ormai alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Istanbul boccia Erdogan: il sindaco all’opposizione

prev
Articolo Successivo

Creme, cibi e medicine: il diselgate chimico

next