Tutto comincia con una furbata del governo Prodi a fine 2006, in vista del famigerato semestre di silenzio-assenso, studiato per spingere più persone possibile nei fondi pensione. Il timore era il prevedibile ostruzionismo da parte dei datori di lavoro, danneggiati dal trasferimento del Tfr alla previdenza integrativa. Ciò li privava, infatti, di una forma di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Donatrici fino a 25 anni. Si torna indietro

prev
Articolo Successivo

Trieste non vuole D’Annunzio. E se la statua arrivasse a Pescara?

next