Il parere del Consiglio di Stato sul regolamento che recepisce le direttive europee sulla donazione eterologa ha riportato indietro l’Italia. I giudici fissando un limite di età di 25 anni per le donatrici e 35 per i donatori, in sostanza, mettono al palo l’eterologa. Ha ragione Antonino Guglielmino, ginecologo e presidente della Società italiana di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La rivoluzione anti-bagarini: da luglio il biglietto è nominale

prev
Articolo Successivo

Il Tfr in pancia all’Inps, non c’è

next