La notte è lunga a Bruxelles. È lunga per il premier, Giuseppe Conte, che lavora per evitare la procedura di indebitamento eccessivo per l’Italia, a colpi di lettere e di rivendicazioni del ruolo dell’Italia, che non bastano alla Commissione europea. Conte mette sul tavolo 5 miliardi (2 facevano parte dell’accordo di dicembre) ma la Ue […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La gaffe sui fondi per il Sud fa ripartire la secessione

prev
Articolo Successivo

La bandierina dell’autonomia: Zaia regala ai neonati veneti il vessillo della Serenissima

next