Pochi credevano che Roberto Mancini fosse così bravo. Pochissimi pensavano che in quattro partite ufficiali della Nazionale, dopo appena un anno di gestione, avrebbe vinto sempre e, di fatto, conquistato la qualificazione all’Europeo dell’anno prossimo, il primo itinerante, gara inaugurale a Roma, finale a Londra. Non accadeva dall’86-87, l’allenatore era Azeglio Vicini e Mancini di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Le prove contro Lula sono solide, altro che complotto”

prev
Articolo Successivo

“Il nostro mondo, ma diverso”: così i classici leggono il futuro

next