Giustizia

Csm, la rinuncia di Petralia: “Sono sdegnato”

Toghe rotte - Il procuratore generale di Reggio Calabria si è ritirato dalla corsa per Torino

20 Giugno 2019

Avevano fatto il suo nome, senza che ne sapesse nulla, il pm Luca Palamara, i parlamentari Cosimo Ferri e Luca Lotti e i compagni notturni – consiglieri del Csm – che volevano piazzare magistrati, secondo le loro convenienze, in diversi uffici giudiziari, soprattutto Roma. E così Dino Petralia, procuratore generale di Reggio Calabria, il 17 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui