Un “segnale inquietante”. Di più. “Una minaccia, come dire ‘qui comandiamo noi’”. Giovanni Impastato non nasconde l’amarezza. La targa dedicata al fratello Peppino, ucciso da Cosa Nostra il 9 maggio 1978, collocata appena due giorni fa in una villetta nel quartiere Cep di Palermo è stata già vandalizzata dopo neppure 24 ore. “Non credo si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi