Adesso c’è una sentenza di primo grado che certifica come il Cara di Isola Capo Rizzuto, gestito dalla Confraternita delle Misericordie, sia stato infiltrato dalla ’ndrangheta. Con il rito abbreviato, il processo “Jonny” si è concluso a Catanzaro con 65 condanne, 18 assoluzioni e 2 proscioglimenti per intervenuta prescrizione. Ha retto l’impianto accusatorio della Dda […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Le mani di Gomorra sul Morandi: “Si fa una società ex novo e sistemiamo un po’ le situazioni”

prev
Articolo Successivo

Del Gaudio “peggio” di Verdini: 10 milioni per danno erariale

next