Affidare alla contrattazione più rappresentativa l’individuazione delle formule migliori per poter utilizzare ancora il lavoro flessibile: è questa l’idea del sottosegretario leghista al Lavoro, Claudio Durigon, per modificare il decreto Dignità. “Tornare alle leggi sul lavoro di ‘piddina memoria‘ e lasciare spazio a sfruttamento e precariato? Anche no”, ha subito replicato il sottosegretario M5s Claudio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese