Benvenuti a Trump City, la città israeliana in onore del presidente americano che non esiste e difficilmente in futuro esisterà davvero. Ripartiti con le loro auto blindate i membri dell’ultimo governo di Benjamin Netanyahu – c’è stato un giro di poltrone dopo lo scioglimento della Knesset e l’annuncio delle elezioni in settembre – restano solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Iran: il sogno atomico Nucleare, dieci giorni per evitare il disastro

prev
Articolo Successivo

Spagna: Barcellona, Madrid e il Valls delle alleanze

next