La legge di iniziativa popolare basata sul progetto di Stefano Rodotà del 2007 va avanti. Da qualche mese il comitato Generazioni future (generazionifuture.org), sta raccogliendo le 50 mila firme necessarie a un disegno che punta alla tripartizione tra “beni pubblici”, “beni privati” e “beni comuni”, conferendo a questi uno statuto speciale. Lo spiega Ugo Mattei, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Blackout “italiano” a Buenos Aires: rete obsoleta e spremuta

prev
Articolo Successivo

L’addio dell’ottavo re. Francesco Totti lascia la Roma

next