Da domenica pomeriggio tutti gli italiani sono diventati allenatori di calcio femminile. Solo uno, però, può dire di aver fatto esordire in Serie A Barbara Bonansea, la ragazza che con due gol ha battuto l’Australia, senza passare per impostore: io. Barbara, gambe lunghe per scattare, era già alta un metro e 70 quando aveva 15 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il coach uccide il sesso. Sul set non serve il garante

prev
Articolo Successivo

Morgan: “Occupiamo la mia casa pignorata”

next