I generatori destinati alla nave saudita Bahri Yanbu e rimasti 20 giorni fa nel porto di Genova per l’opposizione dei camalli ad imbarcare materiale a potenziale uso bellico tornano a far discutere, mentre è in arrivo un altro cargo arabo pronto a caricarli. I portuali, sostenuti da associazioni pacifiste e dalla Cgil, avevano ottenuto che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La nomina (poi revocata) del fratello: i pm chiedono due anni per Raffaele Marra

prev
Articolo Successivo

“Solo pesce e vino di Lombardia” Il sovranismo imposto a tavola

next