Abbiamo tutte avuto un Giuseppe Conte nella vita. Il bravo ragazzo azzimato, pettinato, cortese, paziente, con carriera avviata, che piaceva tanto a nostra madre e non veniva mai a pranzo la domenica senza un mazzo di fiori dopo la messa, naturalmente. E noi brusche, scostanti, insofferenti, l’avremmo voluto più trasgressivo e macho, ma quando ci […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La serie A in crisi, B e C pure peggio

prev
Articolo Successivo

L’uomo perfetto nell’era narcisista. Calmo e altruista, chissà che pensa…

next