“Prostituirsinon è mai una scelta completamente libera”. La Corte costituzionale salva i precetti della legge Merlin, che dal 1958 punisce il reclutamento e il favoreggiamento della prostituzione. La questione di legittimità era stata sollevata dalla Corte d’Appello di Bari durante il processo all’imprenditore Giampaolo Tarantini e a Massimiliano Verdoscia, imputati per aver presentato alcune escort […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese