Sta per scadere il tempo. “Un anno per consentire al Parlamento italiano di intervenire con un’appropriata disciplina” sul cosiddetto “fine vita”: così ha messo nero su bianco la Corte Costituzione il 24 ottobre 2018 con un’ordinanza che gli esperti definiscono “fuori dalla prassi”. Oggi la vicenda di Noa Pothoven ha comunque rimesso al centro la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Nessuna eutanasia, Noa si è lasciata morire (ed è legale)

prev
Articolo Successivo

Mega discarica Russia. La steppa è marcia: cresce la rivolta verde

next