Povera dolce, bellissima e sventurata Noa. Se ne è andata nel sonno provocato dalle medicine letali di un’eutanasia che lei stessa ci spiega: “Ho17 anni e una disperazione addosso così devastante che la vita non la voglio più”. Ha perso ogni speranza, ogni illusione. Non vede futuro. Non sopporta il presente: “Io respiro, ma non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Tienanmen a Khartum. I giovani ribelli, i militari e l’utopia della libertà

prev
Articolo Successivo

“Si è addormentata nel Signore, il giusto diritto di trovare la pace”

next