Le esplosioni di ordigni rudimentali avvengono ancora di frequente in Iraq, soprattutto nella provincia di Mosul dove lo Stato Islamico aveva stabilito la propria capitale, riconquistata dall’esercito iracheno assieme alle milizie curde e iraniane sciite quasi due anni fa. Ma la serie di esplosioni che hanno colpito l’altro ieri alcuni negozi della città di Kirkuk, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

America armata, ennesimo giorno di ordinaria follia

prev
Articolo Successivo

Naomi Klein: “Per salvare il pianeta ci vuole un Green New Deal universale”

next