Dopo David Cameron, anche Theresa May è rimasta sepolta politicamente sotto il referendum sulla Brexit. L’ex premier dei Tories aveva sbagliato i calcoli, convocando la consultazione popolare immaginando di vincerla e sbagliando la scommessa della vita. May, invece, perde perché non è riuscita a concretizzare quel mandato popolare, incagliatasi dentro le contraddizioni del proprio partito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pd-M5S, un dialogo per disarmare Salvini

prev
Articolo Successivo

Quel “conflitto”

next