Mancano due giorni alla chiusura delle urne delle elezioni europee più incerte e attese di sempre. E nell’atmosfera di sospensione che si respira a Bruxelles, i più sospesi di tutti sono gli inglesi. Non si aspettavano di tornare al Parlamento europeo, ora sanno che ci torneranno, ma non sanno fino a quando. E neanche esattamente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Boris Johnson a Sajid Javid. Dopo May non splende il sole

prev
Articolo Successivo

Trussardi e l’incriticabile piatto del “pesce scimmia”

next