“Non sono il nuovo don Gallo”. Don Gianni Grondona ricorda il giorno che ha ricevuto la telefonata: “La Curia mi ha detto: abbiamo una novità importante per te. Ti affidiamo la parrocchia di San Benedetto”. Proprio quella di don Andrea Gallo e di don Federico Rebora, suo inseparabile compagno di apostolato. Certo, in teoria è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Italia tangentara iniziò con lo Stato unitario

prev
Articolo Successivo

Ucciso a due anni, il padre confessa: “Non riuscivo a dormire e l’ho picchiato”

next