La corruzione segna la nascita dello Stato unitario e la accompagna fino ai giorni nostri. Non è un atteggiamento né una devianza, ma un modello, un uso del capitale umano verso forme organizzate di una istituzione parallela che, come le mafie, dispone di un proprio regolamento d’esercizio. Perché l’Italia disperde tante sue risorse, risucchiata da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Corruzione & truffe spa: danno da almeno 6 miliardi all’anno

prev
Articolo Successivo

San Benedetto continua, c’è il parroco: “Ma non chiamatemi nuovo Don Gallo”

next