Vent’anni fa, il 21 maggio 1999, moriva a Trieste un amico scrittore, Fulvio Tomizza, uno dei massimi narratori del nostro 900, istriano poi “esule” a Trieste dopo la separazione dell’Istria dall’Italia, nel 1955. Da Materada il suo primo romanzo, alle sue ultime storie, La città di Miriam, I rapporti colpevoli, La miglior vita e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dalla tassa sui balconi a Conte all’Inter: cosa accadrà fino a domenica

prev
Articolo Successivo

Mail Box

next