Sarà un governo semi-tecnico quello che traghetterà l’Austria alle elezioni di settembre, dopo la rottura della coalizione per lo scandalo che ha coinvolto l’ex vice-cancelliere Heinz-Christian Strache. Un governo in cui esperti sostituiranno i ministri che il partito di estrema destra Fpoe ha ritirato lunedì dopo la richiesta del cancelliere Sebastian Kurz di allontanare dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Usa, il “bastardo mentitore” che toglie il sonno a Trump

prev
Articolo Successivo

Libia, la guerra civile degenera in lotta tra bande

next