“State lontani dai nostri morti. Continuate a fare campagna elettorale, ma lontano dall’Isochimica”. È l’appello lanciato a tutti i partiti e i candidati ad Avellino Antonietta Tomeo, vedova di Luigi Maiello. Il marito era uno dei 27 operai uccisi dalla fabbrica dei veleni, uno stabilimento dove per anni gli operai hanno liberato migliaia di carrozze […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Avellino del “mo’ vediamo” dove il nuovo sa di vecchio

prev
Articolo Successivo

Europa chi? Candidati alla prova del quiz

next