Marcello De Vito non era un semplice “taglia nastri”, come lo definisce il suo amico, l’avvocato Marcello Mezzacapo, ma un “amico potente” che godeva “di notevole credito nel circuito del M5S e nel Comune di Roma”. È la descrizione fatta dai giudici del tribunale del Riesame di Roma, nelle motivazioni che confermano il carcere per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)