Il nervosismo dei mercati è “ingiustificato ma comprensibile”. In questa uscita del ministro dell’Economia Giovanni Tria si trova la sintesi di quello che sta succedendo allo spread, la differenza di costo tra debito pubblico italiano e tedesco, che ieri ha raggiunto i 290 punti per poi chiudere a 285. Chi segue l’ennesima polemica tra Luigi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Zaia dovrà aspettare, Salvini invece no

prev
Articolo Successivo

Sport e sport. Il ciclismo convive sempre con la sofferenza, il calcio con la recita

next