Gli squilli di tromba alle sette di mattina sono il segnale che è ora di alzarsi. Qualcuno apre gli occhi senza ricordarsi subito dove si trova. Succede anche questo all’interno dell’istituto musicale di Terni “Giulio Briccialdi”, occupata dai docenti dalla notte di lunedì 13 maggio. “Ci sono due brandine che lasciamo ai professori ‘di turno’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dopo le scritte sui muri e lettere, nuova minaccia alla Appendino: una busta con un proiettile

prev
Articolo Successivo

“Basta merda. Ora Antonio recita me: un nevrotico”

next