Un’altra lettera minatoria. Martedì la sindaca di Torino Chiara Appendino ha ricevuto un proiettile all’interno di una busta. “Non è la prima volta – ha minimizzato lei ieri –. Continuerò a fare il mio lavoro con la massima determinazione”. La frequenza inquieta. Già il 3 novembre a casa sua aveva ricevuto una lettera: “Tu e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Uccise un ladro in azienda, i pm: “Archiviare le accuse per Pacini sulla base della vecchia legge”

prev
Articolo Successivo

Senza stipendio, ora sono i docenti a occupare l’istituto musicale

next