Consulenze. Questo il termine per mascherare il finanziamento illecito alla politica. Un cliché che emerge anche nell’inchiesta della Procura di Milano e che, secondo i pm, incastra l’eurodeputata di FI e candidata alle prossime elezioni europee, Lara Comi. La vicenda si fa ancora più curiosa, visto che la consulenza, secondo i pm, in realtà altro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Voto di scambio, Grasso: “Norma buona, più repressione. Il no è sbagliato. Bisogna opporsi sui cantieri”

prev
Articolo Successivo

Il tramonto dell’èra Marcegaglia, tra lotte intestine e scandali

next