Non è un virus ma uno spyware quello che ha reso vulnerabili – potenzialmente – 1,5 miliardi di utenti di WhatsApp (sia Android che Apple), differenza non da poco: un virus è un software malevolo che infetta i dispositivi e ne modifica i connotati rendendoli spesso inutilizzabili. Si trasmette e si moltiplica. Lo spyware è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Reddito, sono 1 su 4 i richiedenti idonei da avviare al lavoro

prev
Articolo Successivo

Cina, la nuova Via della Seta apre la strada ai carri armati

next