Virginia Raggi “è stata vittima di un raggiro ordito dai fratelli Marra in suo danno”, era ignara quindi delle manovre in Campidoglio per promuovere il fratello del suo ex capo del Personale. Sono alcune delle motivazioni con le quali il giudice Roberto Ranazzi ha assolto la sindaca di Roma dall’accusa di falso perchè il fatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Virginia ci mette la faccia. La piazza risponde a insulti

prev
Articolo Successivo

Tanti oneri, poche risorse. L’allarme dell’Ispettorato

next