Tangenti per sbloccare gli appalti per opere pubbliche. Sono 14 gli arrestati nell’inchiesta “Cuci e Scuci” della Procura di Palermo, che coinvolgono imprenditori e quattro funzionari del Provveditorato Opere Pubbliche di Palermo. Sono accusati di corruzione, falso in atti pubblici e truffa aggravata ai danni dello Stato. Secondo gli inquirenti, gli imprenditori avrebbero pagato delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)