Non c’è pace per Dino Giarrusso. Neanche il tempo di passare da una campagna elettorale all’altra, da un incarico in Regione Lazio a uno al Miur, che l’ex Iena deve fare i conti col fuoco amico della sua ex redazione e con qualche equivoco normativo. A venti giorni dal voto per le Europee, in cui […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

I ras del Sud con Casanova: tutti insieme a Mr. Papeete

prev
Articolo Successivo

Il candidato sindaco leghista con il vizietto delle risse

next