La cosa che più colpisce di Luigi Zanda, da sempre, è niente. L’ineffabile Zinga, per dar segno di quanto il suo Pd sarà nuovo, lo ha fatto subito tesoriere. E questo è oltremodo inattaccabile: tutti noi, se per esempio volessimo donare nuova linfa e vita al rock, chiederemmo per certo a Memo Remigi di incidere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Mail Box

next