Una “nazista”: chi ha lavorato per Sara Netanyahu, la first lady israeliana, non nutre certo un grande affetto per lei. O perlomeno, è quanto racconta Shira Raban, che ha presentato al tribunale del lavoro di Gerusalemme la richiesta di un indennizzo di 225 mila shekel (che corrispondono a più di 50 mila euro). Una somma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

France Telecom, la bottega degli orrori. E dei suicidi

prev
Articolo Successivo

La breve tregua sulla Striscia pagata dal Qatar

next