Il sottosegretario leghista Armando Siri, indagato per corruzione e saldamente oscillante al suo posto, continua ad agitare la maggioranza gialloverde. Chi pensava che con la presa di posizione del premier Conte la vicenda fosse avviata verso un esito scontato (le dimissioni), ha dovuto ricredersi in fretta con il botta e risposta domenicale tra i due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Siri, il palazzo con il mutuo e il denaro da San Marino

prev
Articolo Successivo

Sharif&C: Roma ha la lista degli assassini di Regeni

next