Una premessa: hanno ragione i presidi quando sostengono che le priorità della scuola, al momento, sono altre. Solai che crollano, docenti scontenti, sovraccarico di lavoro, mai abbastanza fondi: il vicepremier Matteo Salvini, leader del partito che ha espresso il ministro dell’Istruzione, avrebbe potuto affrontare almeno mediaticamente (perché nella pratica ci sono ancora molti problemi da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Più uguali col grembiule? È soltanto un’idea ipocrita”

prev
Articolo Successivo

E il duce abbracciò la ’ndrangheta

next