In maniera stanca, come in una recita scontata, e senza grandi picchi, è ufficialmente partita la lunga e incerta volata per decidere chi sarà il nuovo presidente della Commissione europea. Gli Spitzenkandidaten (i “candidati-guida” secondo il teutonico lessico burocratico di Bruxelles) dei 4 partiti tradizionali (i popolari, i socialisti, i liberali e i verdi) si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese