Cristian è il solito ragazzino problematico. Di più: i videogiochi sono la sua compulsione diventata dipendenza. Sta sempre chiuso in camera. Brufoli, adipe e incapacità a relazionarsi nel mondo vero. Il papà fa il commissario di polizia, a Firenze. Una sera a cena, Cristian, anzi Cri, si alza da tavola, esasperato dai rimbrotti paterni, ed […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Morandi, un filologo come Nietzsche

prev
Articolo Successivo

Altro che supereroi, meglio le storie di guerra firmate da Garth Ennis

next