“Vi invito a unirvi alla mia preghiera per i profughi che si trovano nei centri di detenzione in Libia, la cui situazione, già molto grave, è resa ancora più pericolosa dal conflitto in corso. Faccio appello perché specialmente donne, bambini e malati possano essere al più presto evacuati attraverso corridoi umanitari”. Così Papa Francesco dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Macchinisti ubriachi, soppresso Frecciarossa

prev
Articolo Successivo

Sánchez argina l’ultra-destra ma si deve alleare coi separatisti

next