Nel 2013 uno studio di Carl Benedikt Frey e Michael Osborne dell’Università di Oxford ha indicato il numero dell’apocalisse da robot: il 47 per cento degli occupati sarà sostituito da macchine. La stima riguardava gli Stati Uniti e l’orizzonte temporale era di vent’anni. Altre analisi hanno poi ridimensionato il pericolo. Anche perché l’esito della grande […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Rovazzi a Icardi: ecco i Vip che non danno mance ai rider

prev
Articolo Successivo

Gheddafi, il fantasma dei nostri errori

next